Potrebbero anche interessarti
PERFORMANCE

POTENZIAMENTO: SUPER CORE

Hai ripreso da poco l'attività fisica. Stai già pregustando il tuo "beach body".

Hai pensato anche a prevenire gli infortuni?

Chi fa attività fisica in maniera stagionale, e quindi attraversa 36 mesi di totale inattività, si lascia spesso trasportare dall'entusiasmo in maniera potenzialmente pericolosa. Possedere gli schemi motori per svolgere un determinato sport non significa avere conservato inalterate le basi atletiche che servono per svolgerlo. Se ti piace giocare a pallavolo, a calcio, pattinare, nuotare, correre o andare in bicicletta, ci sarà sempre e comunque una parte del corpo che non puoi trascurare quando riprendi i tuoi allenamenti: il core!

 Allenare la muscolatura profonda del core, ovvero del tronco, è fondamentale per sostenere tutti gli altri sforzi specifici che appartengono alle diverse attività sportive. 

Riprendere uno sport - anche se già noto - significa rimettere in gioco delle necessità ben precise che passano attraverso una cura capillare dell'alimentazione e dell'integrazione. Per sostenere lo sviluppo della muscolatura e la produzione di forza è più che mai indicata l'assunzione di CREATINA. La CREATINA è un aminoacido che ha un ruolo fondamentale per la contrazione muscolare, soprattutto durante sforzi brevi e intensi. Per questo risulta fondamentale per ottenere prestazioni di più alto livello, esattamente quanto lo è avere un core forte, stabile e allenato.

I movimenti del tuo allenamento e le loro caratteristiche.

1 - Plank dinamico in appoggio sulle mani

A pancia sotto, spingi attivamente le mani al suolo, punta i piedi e allinea il bacino, le spalle, la testa su di un’unica diagonale. Alza e abbassa il bacino salendo e scendendo di pochi centimetri oltre la linea che hai creato.

2 - Plank statico in appoggio sugli avambracci

A pancia sotto, in appoggio sugli avambracci, punta i piedi e allinea i talloni, il bacino, le spalle, la testa su di un’unica linea parallela al suolo. Mantieni questa posizione respirando regolarmente.

3 - Plank dinamico in appoggio sugli avambracci

Data la posizione dell’esercizio 2, alza e abbassa il bacino salendo e scendendo di pochi centimetri oltre la linea che hai creato.

4 - Plank laterale con calcio frontale

Posizionati su un fianco. Il tronco poggia sul tuo avambraccio e il bacino è staccato dal suolo. Le gambe sono, tese, leggermente sfalsate “ a forbice” e il perno del corpo è costituito dall'appoggio laterale dei piedi. Tenendo il peso immobile sul perno del piede più lontano dal suolo, esegui dei piccoli calci frontali con la gamba che è più vicina al suolo. E’ un esercizio che richiede controllo e forza, meno adatto ai principianti.

Per vedere e utilizzare altri allenamenti come questo, vai QUI, alla playlist No Excuses Workouts.

Buon allenamento!

Giovanna Ventura è fitness & lifestyle coach. 

Puoi contattarla su www.giovannaventura.com, be-your-best.it  e fitmominaction.com 

08/05/2019 Staff Vitaminstore