Ritiro Gratuito
Ritiro Gratuito
NEI NOSTRI PUNTI VENDITA
CONSEGNA GRATUITA
CONSEGNA GRATUITA
CON ORDINI SUPERIORI A 29.90€
Consulenza gratuita
Consulenza gratuita
Nei nostri punti vendita

IL PH E L'EQUILIBRIO ACIDO-BASE RIEQUILIBRARE IL CORPO CON GLI ALIMENTI ALCALINIZZANTI

PH


Cos’è il pH?
Il pH indica il grado di acidità di una soluzione, o meglio il livello di attività degli ioni idrogeno che vi sono dissolti. La lettera
"H" sta per Hydrogen, mentre il "P" evidenzia il potenziale.

Qual è la differenza tra pH neutro, acido e basico?
L'acqua pura a 25°C è neutra ed ha un pH vicino a 7, le soluzioni con indice inferiore sono considerate acide, quelle con indice superiore sono basiche o alcaline.
Nell'essere umano si è in acidosi quando il pH ematico è inferiore a 7,35 ed in alcalosi superati i 7,45.
Nei soggetti sani, il pH ematico si aggira intorno a 7,41 ed è quindi per natura leggermente alcalino.

Come funziona il pH negli esseri umani?
L’organismo umano per vivere richiede energia, che viene prodotta attraverso il cibo ingerito e l’ossigeno respirato.
Per trasformare gli alimenti e l’ossigeno in nutrizione ed energia, l’organismo produce scorie metaboliche acide che vengono eliminate attraverso urine, feci, sudore, ma anche attraverso la respirazione.
Molte fra queste scorie metaboliche acide vengono trasmesse agli organi escretori attraverso il sangue. Il sangue, leggermente alcalino, è in grado di neutralizzare quantità definite di scorie metaboliche acide.

Cosa succede quando le scorie acide aumentano?
Devono essere neutralizzate in altro modo. I minerali alcalinizzanti come potassio, calcio e magnesio, e i sistemi tampone provvedono a questa funzione, mantenendo l’equilibrio acido-base nell’organismo.
Quando, pur con tutti gli accorgimenti fisiologici, la quantità di scorie metaboliche acide supera quella che il nostro organismo è in grado di eliminare, insorge l’acidosi, ovvero un sovraccarico di sostanze acide “parcheggiate” in alcuni tessuti – detti aree di riserva - in attesa di neutralizzazione e smaltimento.

Perché accade?
Ciò può accadere per svariati motivi, nel caso degli sportivi l’acidosi può essere causata da:
· Alimentazione iperproteica > tende a far diminuire il pH attraverso l'aumentato apporto di aminoacidi (le proteine sono costituite da aminoacidi).
· Attività sportiva per il dimagrimento > tende a rilasciare acidi grassi liberi, anch'essi responsabili dell'abbassamento del pH ematico.
· Attività fisica intensa > sia nell’uomo sia nella donna, determina la produzione acido lattico, che comporta un ulteriore abbassamento del pH ematico.

Alla luce di quanto detto ben si capisce l'importanza di mantenere l'organismo in uno “stato alcalino”.

Come fare a mantenere il corpo in uno stato alcalino?
È opportuno organizzare la propria alimentazione in modo tale che gli alimenti alcalinizzanti rappresentino circa il 75% del consumo giornaliero.

Elenco alimenti alcalinizzanti
· frutta
· verdura
· patate
· cavoli
· lattuga
· insalata

Riuscire a mantenere la percentuale del 75% non risulta facilissimo, soprattutto per gli atleti che necessitano di alimenti proteici per i processi nutritivi muscolari.

Elenco alimenti acidificanti
· carne rossa
· pollame
· salumi
· formaggio fresco e stagionato
· yogurt
· prodotti a base di farinacei
· dolci

Ovviamente molti di questi alimenti, pur essendo acidificanti, sono indispensabili e non devono assolutamente essere eliminati in quanto fonte essenziale
di proteine e vitamine.
Quindi, il loro apporto acidificante deve essere compensato con l’assunzione di alimenti alcalinizzanti ed eventuali integratori di sali minerali atti a diminuire l’acidità.

Inoltre, è necessario assumere quotidianamente 1,5 litri di acqua o tisane, limitando il più possibile tè, caffè e alcolici.

Integratori di sali minerali alcalinizzanti
L’integrazione con sali minerali alcalinizzanti può assolvere a diversi compiti:
· ripristinare le riserve di sali minerali
· neutralizzare l’eccessiva acidosi metabolica
· aiutare a recuperare una perfetta efficienza fisica

Sono indicati per chi è sottoposto a superlavoro, sport e stress, agli sportivi che assumono poca frutta e agli atleti di endurance durante l’esercizio o la gara per favorire il recupero.

Questi minerali si possono trovare sotto forma di:
· Carbonato di calcio
· Bicarbonato di sodio
· Carbonato di magnesio
· Fosfato bisodico
· Bicarbonato di potassio.

Perché il bicarbonato è la sostanza migliore per combattere l’acidosi e ripristinare un corretto equilibrio acido-base?
Perché è un tampone fisiologico extracellulare e, possedendo un alto gradiente di diffusione che gli permette di oltrepassare la membrana cellulare, può neutralizzare l’acidosi nella matrice extra-cellulare del tessuto connettivo e rimuovere rapidamente quella intra-cellulare.

Inoltre, è una sostanza sicura: il corpo umano ha un’alta capacità di regolazione dell’"intake" del bicarbonato.

Left
Right